LE PIU’ FORTI FANNO IL PANZER

La campionessa in carica Petra Kvitova regola in due set la Amanmuradova, Serena Williams liquida la Zahlavova. Victoria Azarenka vince ma non convince con la Falconi. La Zvonareva elimina la Barthel. Esce di scena la Safarova

Be Sociable, Share!

Wimbledon – E’ il giorno del debutto di Petra Kvitova, che torna su quel palcoscenico che un anno fa la lanciò nel gotha del tennis mondiale. Di fronte a lei c’è Akgul Amanmuradova, personaggio singolare nel circuito Wta: amazzone uzbeka di 190 centimetri, gioca con pantaloncini, bandana e occhiali da sole; è dotata di un tennis parimenti originale, fatto com’è di sporadiche discese a rete, smorzate improvvise e colpi liftati. Ha un braccio discreto ma è un gatto di marmo, prova ne è che ha vinto solo due partite quest’anno (sull’erba, tra l’altro, non ha mai vinto un match in tutta la sua carriera). Complice una Petra versione Babbo Natale, Akgul vola rapida sul 3-0 finché la campionessa in carica non decide di scendere in campo e registrare i colpi (servizio in primis); salvate due palle dello 0-4, la mancina di Fulnek infila un parziale di 20 punti a 5 e chiude il parziale 6-4. Avanti 5-3 nel secondo, la Kvitova deve pazientare 30 minuti causa pioggia: tornata in campo, piazza 3 aces e chiude 6-4. Si è vista una Petra a corrente alternata, capace di mortifere accelerazioni ed errori grossolani. Il prosieguo del torneo ci dirà di più.

Intanto, nella prosecuzione del match sospeso ieri, Vera Zvonareva ha portato a casa una partita non semplice contro la svanita Mona Barthel, biondina tedesca esplosa a inizio anno ma eclissatasi negli ultimi due mesi. Dopo il flop di Parigi (perse al primo turno da Lauren Davis), la ventunenne di Bad Seugeberg colleziona un’altra sconfitta all’esordio cedendo 2-6 7-6 6-4 ad un’avversaria che nel 2012 non ne aveva imbroccata mezza, anche a causa di frequenti problemi all’anca sinistra e alla spalla destra. Buona la prima anche per Serena Williams, sbarazzatasi 6-2 6-4 di Barbora Zahlavova Strycova, giocatrice ceca che aveva fatto faville da junior ma sin qui rimasta inespressa nel mondo “pro”. La quattro volte campionessa ai Championships (2002, 2003, 2009, 2010) era al ritorno sui campi dopo la tranvata parigina, quando uscì clamorosamente all’esordio per mano di Virginie Razzano. Buona prestazione dell’ex numero uno del mondo, ma si attendono test più probanti. Avanti anche Victoria Azarenka, che ha sconfitto 6-1 6-4 Irina Falconi. La bielorussa deve affinare il suo stato di forma e registrare il servizio (9 doppi falli), ma tanto è bastato per avere ragione di un’avversaria praticamente paralizzata dall’emozione nel primo set. Da segnalare il successo al fotofinish di Christina McHale, vittoriosa 10-8 al terzo sull’inglesina Jessica Konta. Fuori Lucie Safarova, annichilita 6-3 6-0 da Kiki Bertens, olandesina in ascesa alla sua prima partita vinta in uno Slam.

Piccola parentesi dedicata a Miriana Lucic, ex bambina prodigio capace di vincere il suo primo titolo Wta da unranked (a Bol, nel 1995); proprio a Wimbledon, a soli 17 anni e da n.134 del mondo, raggiunse le semifinali catalizzando l’attenzione del mondo intero. Poi una serie infinita di infortuni e risultati modesti l’hanno relegata nel mondo Itf dal quale non è più riuscita a emergere. Presentatasi alle quali, le ha superate di slancio e oggi ha sconfitto 4-6 6-3 6-4 Alexandra Panova. Una piccola soddisfazione.

Wimbledon – Primo turno donne
(2) Victoria Azarenka (BLR) d. Irina Falconi (USA) 61 64
(4) Petra Kvitova (CZE) d. Akgul Amanmuradova (UZB) 64 64
(6) Serena Williams (USA) d. Barbora Zahlavova Strycova (CZE) 62 64
(9) Marion Bartoli (FRA) d. Casey Dellacqua (AUS) 62 64
(12) Vera Zvonareva (RUS) d. Mona Barthel (GER) 26 76(3) 64
Kiki Bertens (NED) d. (19) Lucie Safarova (CZE) 63 60
(24) Francesca Schiavone (ITA) d. (WC) Laura Robson (GBR) 26 64 64
(25) Zheng Jie (CHN) d. Stéphanie Dubois (CAN) 46 64 63
(28) Christina McHale (USA) d. (WC) Johanna Konta (GBR) 67(4) 62 108
(31) Anastasia Pavlyuchenkova (RUS) d. Sofia Arvidsson (SWE) 61 62
Varvara Lepchenko (USA) d. Patricia Mayr-Achleitner (AUT) 62 63
Aleksandra Wozniak (CAN) d. Vera Dushevina (RUS) 62 75
Romina Oprandi (SUI) d. Irina-Camelia Begu (ROU) 76(3) 64
(Q) Melinda Czink (HUN) d. Johanna Larsson (SWE) 60 62
(Q) Mirjana Lucic (CRO) d. Alexandra Panova (RUS) 46 63 64
(Q) Kristyna Pliskova (CZE) d. Polona Hercog (SLO) 62 62
(WC) Yaroslava Shvedova (KAZ) d. Chanelle Scheepers (RSA) 76(5) 76(5)


Be Sociable, Share!
Be Sociable, Share!

Lascia un Commento

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.