VERA…MENTE KIM

Nel big match fra la Zvonareva e la Clijsters la russa si ritira sul 64 43 in favore della belga. Addio alla Rus, sbranata da Shuai Peng

Be Sociable, Share!

Wimbledon ( Londra) – Oltre alla splendida vittoria di Camila Giorgi contro Nadia Petrova, la seconda parte della giornata al femminile resta incentrata su una star come Kim Clijster, ex n.1 del mondo e al suo ultimo Wimbledon della carriera. Ancora una volta la belga dimostra che quando il fisico è dalla sua parte è un pericolo costante per tutte, e prima di appendere la racchetta al chiodo Kim potrebbe regalarsi ancora molte emozioni. Chi non ha il fisico dalla sua parte è Vera Zvonareva, n.12 del torneo, avversaria della Clijsters al 3° turno. Un primo set ricco di break premia la belga sul 6-3, mentre il secondo è caratterizzato da un problema respiratorio della russa, che dopo un medical time out, è costretta tra le lacrime a lasciare il campo sul 4-3 per la sua avversaria. Dura appena 47 minuti invece la speranza della giovane Arantxa Rus di raggiungere il 4° turno. L’olandese viene infatti asfaltata 6-1 6-2 dalla più esperta cinese Shuai Peng. In serata facile successo di Maria Kirilenko 6-3 6-1 su Sorana Cirstea

Kim sul velluto. Difficile prevedere un esito diverso dalla vittoria belga, che accorcia la sua probabile vittoria grazie al ritiro di Vera Zvonareva. L’11° sfida tra due veterane del circuito, (7-3 per Kim), regala agli spettatori del campo n.1 un primo set dedito ai break, in cui però la belga crea il suo margine in avvio grazie al 3-0 iniziale. Dopo il letargo iniziale la russa si fa propositiva e meno fallosa, e quando annulla 5 palle break del 4-0, prova a rientrare il partita. Vera riesce a fare l’immediato controbreak girando campo sotto 2-3. Ancora un servizio perso per entrambe e la Clijsters resta avanti sul 4-3. La belga copre molto meglio il campo e nel momento in cui cambia passo mette le mani sul set. Il break all’8° gioco porta l’ex n.1 del mondo sul 5-3, prima di mantenere il servizio e incassare il 6-3 finale. La seconda frazione lascia più dignità al servizio, e il match s’incanala su un piano più equilibrato. Dopo l’1-1, però VeraZvonareva mostra un certo disagio, mostrando segni di sconforto e lacrime, chiedendo l’intervento dei sanitari. La russa accusa lievi problemi cardio respiratori associati forse allo stress, lasciando poco dopo il campo per qualche minuto. Al rietro la Znovareva prova a rimettersi in scia, tenendo anche bene il campo fino al 3-3. Il break del 4-3 per la Clijsters chiude invece il match, con la russa che decide di abbandonare. Per Kim un turno tutto sommato poco dispendioso, in vista di un match molto duro contro Angelique Kerber, n.8 del mondo, che liquida 6-2 6-3 l’americana Christina McHale.

Ecco tutti i risultati di giornata

Singles – Third Round
(1) Maria Sharapova (RUS) d. Hsieh Su-Wei (TPE) 61 64
(3) Agnieszka Radwanska (POL) d. Heather Watson (GBR) 60 62
(8) Angelique Kerber (GER) d. (28) Christina McHale (USA) 62 63
Kim Clijsters (BEL) d. (12) Vera Zvonareva (RUS) 63 43 ret. (respiratory illness)
(15) Sabine Lisicki (GER) d. Sloane Stephens (USA) 76(5) 16 62
(17) Maria Kirilenko (RUS) d. Sorana Cirstea (ROU) 63 61
(Q) Camila Giorgi (ITA) d. (20) Nadia Petrova (RUS) 63 76(6)
(30) Peng Shuai (CHN) d. Arantxa Rus (NED) 61 62

Singles – Second Round
(Q) Jana Cepelova (SVK) d. (26) Anabel Medina Garrigues (ESP) 67(7) 76(5) 63

Be Sociable, Share!
Be Sociable, Share!

Lascia un Commento

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.