DENT VOLA, GHEDIN SALUTA

Taylor Dent al terzo turno senza difficoltà. Eliminato Riccardo Ghedin, ultimo azzurro in gara. Bene australiani ed americani

Be Sociable, Share!

16 Giugno 2010 – Si completa il quadro del terzo turno del tabellone di qualificazione maschile a Roehampton. Ammaianato il tricolore dopo l’eliminazione di Riccardo Ghedin, l’erba risveglia le nazioni storiche, e passano il turno tre australiani e cinque americani.

Ghedin non si ripete. Stritolati i sogni di gloria di Riccardo Ghedin, superato per 6-1 6-4 dal transalpino Adrian Mannarino. I due giocatori si erano entrambi qualificati proprio a Wimbledon lo scorso anno, ma il transalpino, che pure non è in condizioni straordinarie, è l’unico che può sperare di ripetersi se riuscirà a superare Jesse Huta Galung, oggi bravo a domare Bastian Knittel. Per Ghedin una sconfitta troppo netta che ribadisce la stagione negativa del nostro giocatore.

Dent e gli altri yankess. Passa il turno senza difficoltà il primo favorito Taylor Dent che pure, nonostante il gioco offensivo, non supera un turno del tabellone principale londinese dal 2005. Oggi Taylor ha lasciato cinque games a Bautista-Agut, pesce fuor di terra. Per lui nel terzo turno ci sarà l’australiano Matthew Ebden, che ha spedito a casa il numero 20 Guez. Oltre a Taylor, registriamo quattro altre vittorie americane (a fronte di due sconfitte). Protagonisti Jesse Witten, che ha eliminato l’australiano Greg Jones, Ryan Sweeting che ha lasciato cinque games al monegasco Balleret, Robert Kendrick che ha regolato Josselin Ouanna e Jesse Levine che ha lasciato quattro games a Joseph Sirianni. Kendrick e Sweeting daranno luogo ad un derby, mentre Witten se la vedrà con il nipponico Go Soeda che ha completato la grande giornata del tennis giapponese, con tre ragazze qualificate per il terzo turno. Per il sovrappeso Witten l’ultimo ostacolo sarà invece Tobias Kamke, vincitore sull’altro statunitense Kuznetsov.

Arrivi e ritorni. Tra gli altri match spicca la vittoria di un nome un po’ scomparso, Gilles Muller, che ha superato per 7-5 6-2 il numero quattro Alves. Considerando la superficie non si può certo parlare di sorpresa, ma il lussemburghese non è certo al massimo della propria forma, e le sue condizioni sono sempre un’incognita. Non facilissimo il terzo turno, che lo opporrà a Carsten Ball, australiano.

Buon risultato per Bernard Tomic, terzo australiano vittorioso nel pomeriggio, che ha eliminato per 6-1 7-6 Edouard Roger-Vasselin. Il diciassettenne australiano è alla ricerca dell’esordio a Wimbledon, e sta mostrando un certo adattamento all’erba, superficie su cui non ha finora brillato particolarmente a dispetto della sua nazionalità. Per il teenager ci sarà Prakash Amritraj, che ha superato in tre set Matosevic in ossequio alla proverbiale bravura degli indiani sui manti verdi. Per concludere segnaliamo le vittorie di Alexander Peya su Kevin Kim e di Ivan Dodig su Grega Zemlja. Due eliminazioni di teste di serie che però tutto sommato non sorprendono troppo.

Be Sociable, Share!
Be Sociable, Share!

Lascia un Commento

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.