JUSTINE CON QUALCHE PATEMA

Justine Henin supera la tedesca Kristina Barrois 6-3 7-5 e si qualifica per il terzo turno dello Slam londinese. Qualche patema di troppo nel secondo set, quando la belga si è fatta rimontare da 5-1 a 5-5.

Be Sociable, Share!

Wimbledon (Londra) – Justine Henin si è qualificata per il terzo turno dei Wimbledon, superando la tedesca Barrois con il punteggio di 6-3 7-5, soffrendo però troppo nel secondo set, nel quale era in vantaggio 5-1.

Barrois prova a lottare. Il primo set a tratti è anche equilibrato, con la tedesca che spinge da fondo campo, mettendo alcune volte in difficoltà Justine, sempre pronta però a trasformare un punto giocato in difesa in accelerazioni offensive e vincenti. Justine subisce anche un break, ma la Barrois lo restituisce subito con la belga che chiude il primo set per 6-3, senza soffrire particolarmente. La tedesca ha messo in mostra due buoni fondamentali, con un rovescio ad una mano che soprattutto nella risposta bloccata l’ha parecchio aiutata.

Superiorità Schiacciante. Nel secondo set Justine inizia a macinare gioco, facendosi più intraprendente anche a rete. La Barrois prova a reagire, cercando anche lei le vie della volé; Justine però è precisissima nei passanti e arrivano due break che portano la belga avanti 5-1. La tedesca riesce a tenere un altro turno di battuta, ma il numerosissimo pubblico del campo 2 tutto si aspetta tranne quanto sta per avvenire.

Moto d’orgoglio. La Barrois prova la reazione. Sul 5-1 gioca un bel turno di servizio e nel game successivo vince un bel game ai vantaggi sul servizio della belga, strappandole la battuta per la seconda volta nel match. Justine si disunisce e “scioglie” nel successivo gioco, ritrovandosi avanti “solo” 5-4 e servizio. Secondo tentativo di servire per il match: Pronti via e doppio fallo (0-15), risposta sbagliata della Barrois (15-15), diritto fuori misura di Justine (15-30), a cui segue un altro errore belga (15-40), stecca di diritto e clamoroso break. La Barrois, praticamente spacciata, si ritrova sul 5-5, dopo una rimonta partita sul punteggio di 1-5.

Errori Banali. La Barrois è sicuramente cresciuta, ma Justine commette degli errori non forzati davvero inconsueti per il suo tennis. Nonostante ciò, il match è molto aperto, perché la belga lotta su ogni punto, tornando focus al 100% sul match. Due punti in pressione regalano alla Henin un nuovo break ed un ulteriore possibilità di servire per il match sul 6-3 6-5. Il terzo tentativo è quello buono e la Henin porta a casa il suo match di secondo turno, soffrendo più del dovuto nel secondo set.

Vittoria che fa riflettere. E’ vero che i primi match del torneo sono sempre i più complessi per varie ragioni, ma Justine deve crescere in fretta se vuole avere qualche chance di arrivare in fondo a Wimbledon, una della principali ragioni per cui è tornata a giocare a tennis. Qual è la vera forma di Justine? Lo scopriremo nei prossimi giorni

Be Sociable, Share!
Be Sociable, Share!

Lascia un Commento

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.