A UN PASSO DAL SOGNO

Nel torneo di doppio tornano in campo Flavia Pennetta e Gisela Dulko: tra loro e la finale rimangono le russe Vesnina e Zvonareva. Oggi si disputano anche le semifinali del doppio misto mentre le coppie Melzer-Petzschner e Lindstedt-Tecau si contenderanno il titolo maschile.

Be Sociable, Share!

Wimbledon (Londra) – Nonostante da anni il doppio sia stato palesemente declassato in termini di prestigio e appeal mediatico, snobbato e bistrattato in molti casi dalle televisioni e dagli addetti ai lavori, un’esaustiva panoramica su quanto sta accadendo sui campi in erba dell’ All England Lawn Tennis and Croquet Club è quanto meno doverosa. Si gioca a Wimbledon e vincere qui, seppur in doppio, ti garantisce un posto nella storia, soprattutto per chi il doppista lo fa di professione, senza alcuna velleità da singolarista. Tra sorprese e conferme, vediamo di analizzare nel dettaglio quanto è sin qui successo nel doppio maschile, in quello femminile (dove è ancora in gara Flavia Pennetta) e nel doppio misto.

Flavia e Gisela, forza! Partiamo dalle note liete. La spedizione azzurra a Londra è stata archiviata come una sorta di fallimento, caratterizzata da poche luci (Fognini) e molte ombre (Schiavone su tutte). L’exploit di Francesca in quel di Parigi aveva probabilmente fuorviato menti e speranze di milioni di italiani, inculcando quella flebile speranza che un evento del genere fosse qualcosa di ripetibile. Certo, un altro gran bel risultato (magari una semifinale di Flavia, traguardo alla sua portata) sull’onda del trionfo parigino avrebbe conferito continuità ed entusiasmo al movimento, ma bisogna pur sempre essere realisti e obiettivi. Non tutto, comunque, è da buttare per i colori italiani. Flavia Pennetta, infatti, scenderà in campo oggi in coppia con Gisela Dulko per conquistare un posto nella finale di doppio femminile: ad attenderle, ci sarà la coppia russa formata da Vera Zvonareva ed Elena Vesnina. Magra consolazione per i colori italiani, diranno in molti. In realtà, se la finale dovesse concretizzarsi, qualcosa di importante si realizzerà, almeno per la coppia italo-italiana. Pennetta e Dulko, infatti, sono attualmente in seconda posizione nella Race e se dovessero battere le russe balzerebbero addirittura in vetta al ranking stagionale, scavalcando le sorelle Williams. Il Masters di Doha è ormai cosa quasi certa (il margine di vantaggio sulla coppia n.5 è rassicurante). La partita di oggi, però, non sarà facile. La Zvonareva, già in finale in singolare, è un’ottima doppista: ha già vinto qui nel misto nel 2006 e vanta due titoli di doppio (uno femminile e uno misto) agli Us Open. La sua compagna, Elena Vesnina, è stata top 15 nel ranking di doppio lo scorso anno. L’altra semifinale vedrà di fronte Liezel Huber e Bettanie Mattek-Sands, teste di serie numero 5, e la coppia formata da Vania King e Yaroslava Shvedova, con le prime nettamente favorite.

Finale a sorpresa. Il torneo di doppio maschile presenta in finale due coppie assolutamente inattese. Eliminata troppo presto la coppia formata da Nestor e Zimonjic (battuti al secondo turno 8-6 al quinto dai britannici Eaton e Inglot), i favori del pronostico erano puntati sui celeberrimi fratelli Bryan. E invece, gli statunitensi hanno dovuto cedere il passo nei quarti agli ottimi Dick Norman e Wesley Moodie, autori di un match quasi perfetto. Nei corridoi che si sono aperti nel tabellone, si sono infilati con bravura lo svedese Lindstedt e il rumeno Tecau, coppia accreditata della testa di serie numero 16. Hanno vinto un’autentica battaglia contro Bhupathi e Mirnyi (tds n.4), sconfitti 8-6 al quinto, superando poi Granollers e Robredo e, in semifinale, gli argentini Chela e Schwank. In finale Lindstedt (mai oltre i quarti in uno Slam) e Tecau (mai oltre il terzo turno) affronteranno i sorprendenti Petzschner e Melzer, due tennisti dal grande temperamento. Dopo aver battuto all’esordio Malisse e Rochus, la coppia austro-tedesca ha estromesso dal torneo la coppia Aspelin-hanley (tds n.10), vincendo poi agevolmente su Lu e Tipsarevic e su Bopanna e Qureshi. La vera impresa l’hanno realizzata in semifinale dove, da sfavoriti, hanno sovvertito il pronostico superando Moodie e Norman, giustizieri dei Bryan. La finale sarà in programma domani.

Doppio misto. Poche sorprese, invece, si registrano nel doppio misto. In semifinale non ci sono coppie non comprese tra le teste di serie, anche se manca clamorosamente quella più alta. Zimonjic (che tornerà a casa a mai vuote dopo la sconfitta nel doppio maschile) e Stosur, infatti, teste di serie numero 1, sono stati sconfitti agli ottavi dalla coppia belga formata da Kim Clijsters e Xavier Malisse. Spedito e senza intoppi, invece, è stato il cammino della coppia accreditata della seconda testa di serie, ovvero quella costituita da Leander Paes e Cara Black: i due sono in semifinale dopo aver sconfitto nell’ordine Damm-Uhlirova, Zelenay-Rosolska e Hanley-Chan. Sfideranno i cechi Dlouhy e Benesova, numero 9 del seeding, sbarazzatisi dei russi Tursunov e Dushevina. L’altra semifinale vedrà opposte le coppie Melo-Stubbs (tds n.10) e Moodie-Raymond (tds n.11), che hanno rispettivamente battuto Clijsters-Malisse e Knowle-Shvedova. Le semifinali del doppio misto, così come quelle di doppio femminile, si disputeranno oggi pomeriggio.

Be Sociable, Share!
Be Sociable, Share!

Lascia un Commento

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.