BRILLA CAMILA GIORGI

Nel secondo turno delle qualificazioni splendida vittoria della diciannovenne azzurra, che ha rimontato e battuto l’esperta l’austriaca Yvonne Meusburger. Eliminate invece Camerin e Floris

Be Sociable, Share!

Roehampton (Gran Bretagna). Doveva essere l’azzurra con meno speranze, e invece ha sorpreso e vinto, raggiungendo per la prima volta in carriera il turno decisivo delle qualificazioni di un Major. Stiamo parlando della diciannovenne azzurra Camila Giorgi, a segno quest’oggi per 2-6 7-5 6-3 sull’austriaca Yvonne Meusburger, attualmente fuori dalle prime 100 ma con un passato da top 60, una finale Wta e due secondi turni nel main draw nel proprio palmares. Nonostante uno svantaggio di 6-2 4-1, l’azzurrina non si è persa d’animo, continuando a lottare, ed è stata premiata con un bellissimo successo.

Domani la sfida con la Lee-Waters. Dal 3-5 della seconda frazione, la Giorgi ha beffato la rivale con un parziale di 4 giochi consecutivi, che gli ha permesso di rimandare le sorti dell’incontro al set decisivo. Anche nel terzo Camila si è trovata in svantaggio (0-2), ma ha nuovamente recuperato, annullando varie occasioni per il 3-0 pesante e ribaltando l’equilibrio, sino al 6-3 conclusivo, siglato dopo aver cancellato ben cinque pericolosissime palle-break. Domani la giocatrice nativa di Macerata se la vedrà con la statunitense Linsday Lee-Waters, quattordici anni (!) più giovane di lei. Attualmente numero 233 del ranking Wta, l’americana vanta un best ranking di 33 – che risale addirittura all’aprile del 1996 – ma nell’ultimo periodo non è mai riuscita a mettersi in evidenza. A giudicare dall’esperienza dell’avversaria quello di domani non sarà un match semplice, ma la Giorgi ha tutte le carte in regola per superare anche questo ostacolo, e raggiungere il tanto desiderato main draw.

Floris e Camerin sprecone. Cocente sconfitta invece per Anna Floris, che saluta il torneo con l’amaro in bocca, battuta con il punteggio di 6-4 7-6 dall’abbordabile spagnola Estrella Cabeza-Candela (235 Wta). Al di là della sconfitta in sè – giunta un po’ a sorpresa dopo la convincente vittoria di ieri sulla Bremond – quello che brucia è il modo in cui il k.o. è maturato, in quanto la mancina sarda ha condotto in ambedue le frazioni. Nella prima ha sprecato un break di vantaggio (era 2-0 sopra), mentre nella seconda non riuscita a chiudere da una situazione di 5-1 sia nei game, che nel successivo tie-break (perso 7-5), fallendo complessivamente tre set-points. Lo stesso discorso vale per la Camerin, settima testa di serie, sconfitta con un doppio 6-3 dalla russa Vitalia Diatchenko, numero 170 del mondo. La giocatrice veneta si è infatti trovata in vantaggio per 3-0 nel primo set, e per 2-0 nel secondo, ma in ambedue i casi si è lasciata prima agganciare e poi superare, subendo un parziale di 6-0 nel primo e di 6-1 nel secondo.

Uomini, domani il turno decisivo. Oltre alla Giorgi, torneranno in campo domani anche gli uomini, impegnati sulla lunga distanza. Anche quest’anno, come da tradizione, il turno finale delle qualificazioni dei Championship’s si giocherà infatti al meglio dei cinque set, proprio come nel main draw.

Be Sociable, Share!
Be Sociable, Share!

I Commenti sono chiusi