COSTRETTA ALLA RESA

Cede ad una Radwanska in gran forma la nostra Sara Errani che le ha provate davvero tutte per impensierire la n.7 del mondo. La tennista romagnola non riesce dunque ad arrivare per la prima volta in carriera negli ottavi a Wimbledon.

Be Sociable, Share!

Wimbledon (Regno Unito). Non può avere rimpianti Sara Errani per il fatto di aver lasciato strada ai Championships ad Agnieszka Radwanska. La polacca infatti ha prevalso con un punteggio netto (6-3 6-1) su un avversaria comunque al meglio della propria condizione e che in ogni caso le ha tenuto testa con onore, dandole filo da torcere per un’ora abbondante di gioco. Ciò che però noi possiamo imputare a Sarita sono le ragioni per quali non sia stata sufficientemente “cattiva”, soprattutto al momento di trasformare le numerose palle break che ha più volte saputo procurarsi. Nei passaggi cruciali, come se fosse vittima di una sorta di sudditanza psicologica, l’azzurra diventava fallosa da fondo e imprecisa sotto rete. Si è trattato di sbavature che nel computo totale del match hanno pesato non poco. L’uscita dal terzo Slam stagionale della nostra portacolori è tuttavia a testa alta.

14.54 Trionfo Radwanska. Chiude in bellezza la polacca sfruttando il crollo psicologico della nostra portacolori quando il risultato era già compromesso. Punteggio molto severo, 6-3 6-1, giusto nel suo complesso, ma che non rispecchia il grande equilibrio visto in campo per lunghi tratti. Sarita saluta Wimbledon al terzo turno.

14.46 Che classe! Tanto di cappello ad Agnieszka che sta regalando perle del suo miglior tennis. Smorzate, lob millimetrici, accelerazioni di rovescio. L’azzurra cede ancora una volta il servizio quando conduceva da 40-0. 4 a 1 per la polacca con doppio break.

14.31 Allungo polacco. Partenza ad handicap anche nel secondo set per Sarita che perde la battuta al terzo gioco. La Radwanska cerca a tutti i costi di abbreviare gli scambi con anche improvvise sortite a rete. Finora la sua tattica sparagnina sta avendo i suoi frutti. 2 a 1 in suo favore.

14.10 Primo set Agnieszka. Con un ace ed un turno di battuta tenuto a zero la 21enne di Cracovia si aggiudica la prima frazione con il punteggio 6-3. Nel complesso la Errani non ha demeritato ma manca ancora la concretezza necessaria per prevalere. Ora non bisogna perdere fiducia.

14.03 Distanze invariate. Getta al vento una ghiotta opportunità di controbreak Sarita. Giochi spesso conclusi ai vantaggi nei quali però la polacca continua a confermarsi più lucida. Concede davvero poco nei punti importanti. 5 a 2 Radwanska.

13.49 Break Radwanska. Games molto tirati, Agnieszka più coriacea e solida in battuta. La nostra portacolori non gioca male ma non riesce a fare la differenza nel momento di staccare la sua avversaria. Qualche errore di troppo col dritto. 4 a 1 avanti la polacca.

13.30 Alta qualità. Scambi di pregevole fattura tra le due giocatrici. Repertorio molto vario per entrambe. Meglio la Errani con le palle corte, la polacca con le volèe. Agnieszka conduce 2 a 1.

13.20 Atteggiamento giusto. Buon avvio di Sarita che si dimostra subito aggressiva già dalla risposta. L’azzurra non ha però trasformato tre palle break sciupandole con altrettanti errori gratuiti. Primo gioco Radwanska.

Sono in campo per il riscaldamento sul campo 2 di Wimbledon Sara Errani e Agnieszka Radwanska, n.7 del seeding. Le due giocatrici si contenderanno un posto negli ottavi di finale dei Championships. Nei precedenti conduce la tennista polacca per 3-1. L’unico successo dell’azzurra risale al 2006 sulla terra rossa di Budapest.

Be Sociable, Share!
Be Sociable, Share!

Lascia un Commento

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.