PETRA, SERENA E VICTORIA DILAGANO

Avanzano tutte le favorite, anche se Serena fatica ad avere ragione della Zheng. Vittoria pure per Ana Ivanovic eTamira Paszek, che si qualificano per gli ottavi dopo battaglie su tre set

Be Sociable, Share!

Londra (Regno Unito) – L’ultima tornata del terzo turno femminile non ha portato sorprese di sorta a Wimbledon. Tutte le top player hanno passato agevolmente i propri turni e l’unica new entry, se così si può definire viste le precedenti prestazioni, è l’austriaca Tamira Paszek.

Victoria Azarenka si e’ guadagnata l’accesso per gli ottavi di finale battendo la qualificata slovacca Jana Cepelova  (numero 178 del ranking mondiale) per 6-3 6-3 in 74 minuti di gioco.

Nonostante una buona prestazione da parte della 19enne slovacca, la regina degli ultimi Australian Open non ha avuto difficoltà a chiudere il match in due set. Di sicuro la motivazione di Vika in questo momento è altissima anche perché, nel caso la bielorussa dovesse guadagnare i quarti di finale, avrebbe la matematica possibilità di tentare l’assalto al numero 1 del ranking mondiale.

Match thrilling tra Serena Williams e Zheng Jie : la cinese, già semifinalista sui campi di Sw19 nel 2008, ha fatto sudare la tennista americana prima di arrendersi al terzo set con il punteggio finale di 6-7(5) 6-2 9-7.

La quattro volte campionessa di Wimbledon ha cercato di mettere a segno il 100% dei punti sulla sua seconda di servizio, ma la Zheng a sua volta è stata capace di gestire la sua battuta e di mettere in grave difficoltà Serena, che in conferenza stampa ha poi sottolineato questa situazione spiacevole nel primo set.

Tuttavia dopo la sconfitta shock del Roland Garros, la minore delle sorelle Williams non aveva alcuna intenzione di abbandonare Londra con largo anticipo e alla fine si è imposta dopo una serie di scambi che hanno tenuto il pubblico con il fiato sospeso.

L’unica sorpresa di giornata potrebbe essere considerata la vittoria di Tamira Paszek su Yanina Wickmayer, anche se l’austriaca ha una tradizione favorevole sull’erba inglese. Alla fine la Paszek si è imposta in tre set con il punteggio di 2-6 7-6(4) 7-5 dopo 2 ore a 40 minuti di gioco.

Ora sarà proprio l’austriaca a scontrarsi con la nostra Roberta Vinci negli ottavi di finale e la giocatrice italiana sa bene che non potrà assolutamente prendere sotto gamba l’incontro.

Tre set sono stati necessari anche a Ana Ivanovic per avere ragione della tedesca Julia Georges, anche perché l’incontro tra le due è stato abbastanza ravvicinato e il livello dimostrato in campo ha sicuramente divertito gli spettatori sugli spalti.

Il risultato finale è stato di 3-6, 6-3, 6-4, ma fino al quinto gioco del terzo set la tedesca ha dimostrato una resistenza a oltranza, mettendo in seria difficoltà la giocatrice serba che, sulla durata, ha avuto la meglio.

Vita facile, anzi facilissima per la detentrice del titolo Petra Kvitova che ha conquistato gli ottavi di finale con un netto 6-0, 6- 1 contro Varvara Lepchenko in soli 53 minuti di gioco. La uzbeka non ha potuto nulla contro la marea di dritti che la mancina ceca ha messo a segno durante l’incontro ed ha poi peggiorato la sua situazione con sei doppi falli che ne hanno pregiudicato totalmente la prestazione.

Be Sociable, Share!
Be Sociable, Share!

Lascia un Commento

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.