NADAL CONFERMA

Rafael Nadal supera in tre set molto combattuti un Andy Murray sprecone e centra la quarta finale a Wimbledon. Dieci i precedenti con Berdych, che l’hanno visto imporsi per 7 volte, sei delle quali consecutive

Be Sociable, Share!

Wimbledon. Sarà Rafael Nadal, numero uno del mondo, a contendere a Tomas Berdych il titolo dei Championships. Lo spagnolo si è imposto in tre set combattuti su Andy Murray, annullando un set-point nel tie-break del secondo parziale e rialzandosi da una situazione di 2-4 nel terzo e decisivo set. Per Nadal si tratta della quarta finale in cinque anni sull’erba londinese, ma va detto che lo scorso anno, causa problemi alle ginocchia, il talento di Manacor non potè partecipare ai Championships. Fra Rafa e Berdych vi sono ben 10 precedenti, con il ceco che, dopo averne vinti tre dei primi quattro (rivelandosi una delle “bestie nere” di Nadal), non ha più conquistato un set, capitolando anche a Wimbledon 2007 con il punteggio di 7-6 6-4 6-2.

19.20: Nadal in finale.Lo spagnolo non si ferma e dopo essere rientrato in partita brekka nuovamente Murray, guadagnando l’atto finale del torneo. Sul 30-30 lo scozzese ha prima messo in rete un diritto e poi ha voluto colpire al volo su un recupero di Nadal, con la palla che è terminata poco lunga.Dopo 2 ore e 22 minuti la sfida ha quindi dato ragione al giocatore allenato dallo zio Toni, vittorioso per 6-4 7-6 6-4.

19.15: Arriva nell’ottavo game il controbreak di Nadal, bravo nel giocare al meglio i punti di risposta. Murray ha cancellato con un servizio vincente una prima palla-break ed è salito poi A-40, ma ha prima messo in rete una volèe, e poi commesso un brutto errore, che ne hanno regalata una seconda al rivale. Questa volta Nadal ha risposto bene e lo scozzese ha sbagliato un diritto in avanzamento. La sfida ritorna così “on serve”, con Nadal avanti ora per 5-4 dopo aver vinto a zero il proprio turno di battuta. Andy chiamato a servire per rimanere nel match.

18.57: La situazione è regolare, e Murray ha conservato agevolmente il break. L’idolo di casa, spinto dal calore dei connazionali, si trova in vantaggio per 3-2 (e servizio) nella terza partita.

18.42: Non si fa attendere la reazione di Murray che nel primo game del terzo set toglie per la prima volta il servizio a Nadal. 1-0 e servizio per il “british”.

18.37: A favore di Nadal anche la seconda frazione, chiusa per 8-6 al tie-break. Subito sotto di un mini-break ottenuto da Murray con una grande risposta vincente di rovescio, Rafa ha recuperato il rivale sul 2-2, e si è poi portato 4-3. Murray ha piazzato due ace, salendo 5-4 e sul 5-5 Nadal ha commesso un doppio fallo regalandogli un set-point. Lo spagnolo si è però riscattato in grande stile, andando a prendersi il punto a rete e pareggiando i conti. Nel tredicesimo punto un nastro beffardo ha alzato un passante di Nadal, con Murray, ben posizionato a rete, che non ha trovato la palla. Salito 7-6, Nadal ha poi chiuso con il servizio la frazione, portandosi avanti per 2-0 dopo 100 minuti esatti di gara.

18.21: Tre game regolari portano Murray in vantaggio per 6-5. Dopo il cambio di campo Nadal servirà per rimanere nel match, andando a caccia del tie-break.

18.12: Murray fallisce due palle break e “regala” il 4-4 al rivale. Salito infatti sul 40-15, lo scozzese mette in rete una risposta apparentemente semplice, e successivamente Nadal prende in mano il pallino del gioco, portandosi a game-point. Murray centra nuovamente il 40-40, ma la situazione non cambia e Rafa tiene il servizio.

18.00: Murray arriva per altre due volte in parità sul servizio rivale, ma Nadal non si lascia nuovamente sorprendere e agguanta il 3-3. Sin ora una sola palla break in tutto il corso della semifinale.

17.49: Sotto 15-30, Nadal serve due ottime prime (piazzando anche il suo primo ace) e si porta 40-30. Con un gran diritto in cross Murray cancella il game-point e per la prima volta nel corso del match arriva 40-40 in risposta. Il britannico mette però a metà rete un comodo diritto, e Nadal tiene poi la battuta: 2-2.

17.33: Nono gioco cruciale per Andy Murray, il quale, salito 30-15 grazie a due aces, commette un doppio fallo che riapre il game. Nadal indovina poi un’ottima risposta, e concretizza successivamente la prima palla break della sfida. Dopo il cambio di campo l’iberico tiene a 30 la battuta, e in 37 minuti si aggiudica per 6-4 la prima frazione.

17.20: Ancora pochi sussulti dalla seconda semifinale di Wimbledon. Murray sta cercando in ogni modo di accorciare gli scambi, spingendo sempre al massimo con il diritto. Sin ora gli errori sono stati troppi, ma la scelta tattica, a lungo andare, potrebbe rivelarsi azzeccata. 4-3 per lo scozzese.

17.06: Tutto regolare sin ora, con Murray in vantaggio per 2-1. Lo scozzese sta servendo in maniera eccellente, e ha già piazzato tre aces.

16.58: Nadal vince il sorteggio e sceglie di rispondere. Murray si trova 15-30, ma piazza tre prime e “tiene” il primo turno di battuta della sfida.

Be Sociable, Share!
Be Sociable, Share!

Lascia un Commento

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.